Trasmissione del 13 settembre 2017

Tulipa, La Metralli, Effenberg, Clap Your Hands Say Yeah, Blonde Redhead, The Cyborgs, Animal Collective, Shijo X, Tennis, Thievery Corporation, Julitha Ryan, Lotte Kestner, The Cure, Mary Ocher, Burnt Friedman, Hauschka, The Necks, Zeitkratzer, Forest Swords, Matthew Herbert.

Annunci
Pubblicato su DjZero, trasmissione

Elysia Crampton

Spots y Escupitajo
2017, 5 su 10
https://www.facebook.com/EPCrampton/

Strano disco di una strana autrice. Gli spot sono (otto) frammenti attorno ai dieci secondi di rumori asseblati a casaccio, gli altri sei brani (tra l’uno e i dieci minuti) sono assemblaggi un po’ più ragionati (ma non troppo) di ritmi rumori e voci. Trovo difficile ascoltarlo più di una volta e consideralo sperimentazione, soprattutto di fornte ai lavori precedenti che mi avevano spiazzato e interessato.

Tagged with:
Pubblicato su Anno 2017, recensione, Voto 05

Slowdive

Slowdive
2017, 6 su 10
http://www.slowdiveofficial.com/

Attivi tra il 1989 e il 1995, si riformano dopo 22 anni e tornano a fare dream-pop/shoegaze, come se nulla fosse cambiato. Molte volte queste operazioni sono un disastro, quasi mai capolavori, il meglio che si possa aspettare è come in questo caso un disco dignitoso che occhieggia molto al passato cercando di farsi travolgere. Qualcosa di passabile c’è, tanto da meritare una sufficienza.

Tagged with:
Pubblicato su Voto 06

Ian William Craig

Slow Vessels
2017, 7 su 10
https://ianwilliamcraig.bandcamp.com/

Sei brani in mezz’ora, che riprendono lavori del precedente “Centres” e li rendono più asciutti, talvolta acustici, talvolta più scarni, mettendo spesso davanti la voce e facendo seguire in sottofondo musica non banale ma essenziale. Non male, meglio dell’originale.

Tagged with:
Pubblicato su Anno 2017, recensione, Voto 07

!!! (Chk chk chk)

Shake the Shudder
2017, 5 su 10
http://chkchkchk.net/

Alfieri del punk-funk, in questo disco l’impronunciabile gruppo diventa decisamente più funk che punk, con ampio richiamo alla dance e ai momenti peggiori degli anni ottanta, con brani allegri e danzerecci che, se non ascoltati in una balera, sono piuttosto piatti e noiosi.

Tagged with:
Pubblicato su Anno 2017, recensione, Voto 05

Son Lux

Remedy
2017, 6 su 10
http://music.sonluxmusic.com/

Un EP con quattro brani che dal punto di vista musicale non si discosta dalle ultime prove del gruppo/progetto di Ryan Lott. ciò che cambia è l’ispirazione, visto che i testi nascono come reazione politica alle elezioni statunitensi del 2016 e che i profitti andranno ad una organizzazione per i diritti umani. Un buon ascolto, più che marcare il territorio che per effettiva necessità.

Tagged with:
Pubblicato su Anno 2017, recensione, Voto 06

Mika Vainio

Reat
2017, 5 su 10
http://www.mikavainio.com/

Primo disco postumo di MV (uscito poco più di un mese dpo la scomparsa; mi sa che ce ne saranno altri), poco meno di quaranta minuti di ritmiche minimali e soffi ambientali, atmosfere tra il claustrofobico ed il dilatato, poco che riesca a solleticare l’interesse ed emerga da un generico piattume sonoro.

Tagged with:
Pubblicato su Anno 2017, recensione, Voto 05

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Categorie
settembre: 2017
L M M G V S D
« Ago    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930  
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: