David Sylvian

there’s a light that enters houses with no other house in sight.
2014, 5 su 10
http://www.davidsylvian.com/

Un disco di DS è sempre un evento; una collaborazione con un poeta vincitore di Pulitzer (Franz Wright) e gli interventi di Fennesz e altri sperimentatori, per dare luogo ad un unico brano di oltre un’ora (anche se si riconoscono diversi segmenti…). Il problema è che il poeta declama una serie di suoi versi, con voce che nulla ci azzecca col resto della sonorizzazione. E quindi il risultato non è una sonorizzazione di una recitazione (che la recitazione è piuttosto monocorde e insipida, e che del resto troppo sparsa all’interno della musica), mentre la musica stessa finisce con lo stancare un po’ troppo, pur essendo pensata per essere un sottofondo.

Annunci
Tagged with:
Pubblicato su Anno2014, recensione, Voto 05

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Categorie
maggio: 2015
L M M G V S D
« Apr   Giu »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: