Paul De Jong

IF
2015, 6 su 10
http://temporaryresidence.com/artists/pauldejong

Disco strano. Comincia come se fosse un disco country o meglio del sud delgi stati uniti. Ma poi fanno capolino strani suoni, le strutture si fanno più complicate, le stramberie continuano irriverenti, le cose insomma si complicano e si pasticciano molto. Poi scopri che il signore era l’altro dei The Books (il primo era Zammuto), e le cose si spiegano. Disco sghembo, che però in certi momenti è decisamente irritante.

Annunci
Tagged with:
Pubblicato su Anno2015, recensione, Voto 06

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Categorie
ottobre: 2015
L M M G V S D
« Set   Nov »
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031  
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: