Julia Kent

Asperities
2015, 7 su 10
http://www.juliakent.com/

Quarto disco della violoncellista canadese (già nei the Johnson con Antony), dove, ovviamente ed ancora una volta, il suo strumento è decisamente in evidenza. Ma c’è anche molta elettronica, processamento e field recording, mai invadenti ma giusti riempimenti, per brani strumentali difficili ma non troppo, tanto da essere parecchio interessanti e soddisfacenti. Non per tutti, ma bello.

Annunci
Tagged with:
Pubblicato su Anno2015, recensione, Voto 07

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Categorie
gennaio: 2016
L M M G V S D
« Dic   Feb »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: